© 2018 la civiltà dell'acqua

Milano: ultimo atto

Roberto Rainoldi

29/10/2018

Milano tra consumo di suolo e territorio e consumo di merci: un modello perdente e clamorosamente fallimentare nel lungo periodo. I danni che produce sono già visibili in una città alle porte della quale sono i tir della logistica e non gli uomini a fare la coda. E non sono smart!

Smantelliamo Smantelliamo qualcosa rimarrà

Abbattere, distruggere, smantellare, il nuovo verbo delle classi dirigenti milanesi. Sempre più avanti e sempre in anticipo sui tempi, ma anche sempre meno attente alle esigenze dei cittadini.

28/10/2018

Atti, scelte e misfatti a spese di un’area da preservare. Dopo decenni di carri armati, prove tecniche di trasmissione dei reparti dell’Esercito e celebrazioni del 4 Novembre, gli spazi incolti, ma vivi, alle spalle della caserma Santa Barbara, devono trovare una sistemazione confacente non alla speculazione immobiliare ma al continuum verde che nel tempo, e grazie alla forte presenza dei cittadini, si è creato in tutta la zone.

Ritrovare Napoli.

E Napoli? Cosa possiamo dire noi di Milano? Basta rovesciare il punto di vista: cosa può dirci di noi chi riflette su Napoli. E il gioco è fatto, o meglio, ancora tutto da pensare.

28/10/2018

Sara Tufano ci aiuta a scoprire come in fondo entrambe le città soffrano dello stesso guaio: credersi sempre un po’ prima o un po’ dopo il luogo nel quale si trovano. Una sindrome di spaesamento che oggi si vuol far passare come l’essenza delle città, la loro ragion d’essere e che invece è solo la testimonianza della loro difficoltà a ritrovarsi per quello che si è.

Un altro piccolo tassello a quelle “immagini di città”, alla Walter Benjamin, nelle quali riposa forse la sostanza inafferrabile del mondo, o, se vogliamo, il suo dissolversi. Per questo soffriamo.

Il numero 4 è in edicola

Milano Ambiente scrive e consente di scrivere

27/10/2018

sopra un breve commento degli articoli

dalla redazione

12/04/2018

Tutti coloro che ci vogliono toccare con mano potranno farlo sino al 3 maggio, dopo sarà la volta del numero 2. Avete dunque tempo e modo di farne incetta, per voi e per i vostri amici.

 

Milano Ambiente accoglie e ha scelto questi interventi:

La città domani, la città che non serve più, la città degli arkangeli di Angelo Cortesi

Un racconto surreale della realtà metropolitana

 

Da metropolis a città per frammenti di Mauro Afro Borella

Il destino di Milano è quello di essere una città pasticciata, immaginata con grandi scenari e realizzata con frantumi di queste visioni, lasciandoci sempre con una forte delusione a chiederci come avrebbe pututo essere. Grandi visioni che anche oggi scelgono la sua frantumazione.

Criptomonete e critonite di Riccardo De benedetti

Ci sono vasti processi in corso che si apprestano, una volta portati a compimento, a distruggere e cancellare, per esempio, la moneta reale. La moneta è non solo un segno di ricchezza o povertà, di valore o di alienazione, è chiaramente un elemento antropologico che supera la sua dimensione strettamente economica.

L'Isola, un borgo in città di Pier Vito Antoniazzi

L'atto di amore per il luogo dove si vive

 

Aggrappiamoci al futuro di Roberto Ugo Nucci

L'analisi "compiuta" del nostro tempo

Riapertura dei Navigli, una proposta poco rivoluzionaria di Alberto Maria Prina

La prima delle riflessioni che proponiamo sull'agognata riapertura dei Navigli, apertura ambita da molti e per questo da considerare poco meno di merce avariata.

Housing sociale o ... de Il Ficcanaso

La moda delle parole che poco hanno a che fare con la realtà.

Della mobilità elettrica a Milano di Dario Gianuzzi

Il punto della situazione, così poco edificante

Per una nuova Repubblica dell'Ossola di Roberto Rainoldi

Emigrare in campagna, darsi regole che non sono regole, rischiare qualcosa, piuttosto che sopravvivere annoiandosi.

La memoria e le memorie di Milano di Pietro Esposito

"Fu allora, Milano, che in silenzio tra me e il mio cuore, ti feci la mia promessa. Tornare a te. Chiudere in te la mia vita. Tra le tue pietre, sotto il tuo cielo, tra i tuoi conchiusi giardini" (Savinio, "Ascolto il tuo cuore, città", 1944)

Ecologia della politica: cosa rimane? di Fiorello Cortiana

L'involuzione delle forme di rappresentanza e della partecipazione alla vita pubblica tra le lobbies tecno-finanziarie, le cordate politico-istituzionali cui si riferiscono e la separatezza con gran parte della società, che pure esprime forme diffuse di cittadinanza attiva.

Historia recente e passata di Lacchiarella dell'Oca Giuliva

Comincia da sud una panoramica sulla gestione del territorio dell'area metropolitana, ovvero della passata provincia di Milano.

Piazza d'armi di Luca Trada

Uno scampolo di città nei nostri pensieri da più di trent'anni e sempre nelle mire della più bieca speculazione.

Filo rosso, filo verde di Luca Caviglione

racconto breve.

Rubriche, schiume e Ecoteca

1 / 1

Please reload